Gli italiani, un popolo che ha imparato ad amare la birra

Dal confronto di 2 indagini rispettivamente del 1958 e 2014, emerge un sostanziale cambiamento nei gusti degli italiani: oggi chi beve birra, anche se non regolarmente, rappresenta l’80% della popolazione contro il 5% registrato negli anni 50.

Dati 1958 vs 2014

Nel ‘58 bere la birra era un modo per dissetarsi o per apprezzarne il gusto particolare; oggi gli italiani, sempre più amanti del suo gusto, apprezzano la birra come abbinamento a particolare cibi. Continua a leggere

Il “BOLLETTINO” is back

Nel 1947 Doxa iniziò la pubblicazione e la diffusione quindicinale del suo “Bollettino”. I risultati dei sondaggi presso l’opinione pubblica, in Italia e all’estero, venivano così messi a disposizione degli abbonati che lo desiderassero.

Oggi, a distanza di quasi settant’anni dalla loro nascita, i Bollettini ritornano grazie all’impegno di Doxa e di Doxapharma.  Saranno ancora un punto di osservazione analitico sull’attualità e sulle tematiche salienti dei nostri tempi, spesso messe a confronto con i risultati degli anni passati.

29_04_2013-125

I “Bollettini” avranno un nuovo vestito digitale, una grafica interattiva e funzionale, ma anche una maggiore accessibilità, grazie alla loro diffusione sui profili social del gruppo.

Per arricchire le informazioni dei Bollettini con elementi di approfondimento puntuale, Doxa utilizzerà anche Roamler, uno strumento per osservare dettagliatamente il mondo attorno a noi ed effettuare ricerche di mercato in tempo reale, così da rivedere il passato per meglio comprendere il FUTURO.

Il DIABETE, luci e ombre

L’indagine realizzata da DoxaPharma su un campione di duemila individui rappresentativi  della popolazione maggiorenne italiana (oltre 150 diabetici), mostra quanto sia sottovalutata questa malattia da chi non ne è coinvolto.

La voce di chi non è coinvolto direttamente da questa malattia:

NON comporta continue rinunce47%

NON porta a sacrifici alimentari55%

NON credo possa impattare sul lavoro63%

NON penso possa rovinare le feste71%

NON penso imbarazzi misurarsi la glicemia in pubblico55%

Ancora oggi risulta basso il livello di conoscenza rispetto alle cause della malattia: mentre il 70% della popolazione ritiene che sia una patologia ereditaria,  1 intervistato su 2 è convinto, erroneamente, che il diabete derivi dal mangiare troppi dolci

È una malattia con cui è difficile convivere e che ha forti ripercussioni sulla qualità di vita dei pazienti: il tasso di incidenza  sulla popolazione italiana della depressione è  1 a 10  rispetto a  1 paziente diabetico su 4.

Continua a leggere

Il FUMO, tra passato e presente

Bollettino DoxaPharma N° 1 - Marzo 2014

…il passato e il presente…per costruire il futuro…

Negli ultimi 60 anni abbiamo assistito a un notevole cambiamento nelle abitudini dei fumatori italiani. A confermarlo 2 indagini condotte da Doxa, una nel lontano 1958 l’altra relativa ai giorni nostri.

Il dato più rilevante riguarda il crollo della quota dei fumatori del Paese, passata dal 40% al 23% attuale. Da evidenziare il rapporto tra fumatori uomini e fumatrici donne, riequilibratosi con il passare del tempo:

  • i fumatori UOMINI sono passati da 12 milioni (71% ) nel 1958 a 6 milioni (26%);
  • mentre il numero di DONNE fumatrici è salito da  2 milioni (10%) nel 1958 a oltre 5 milioni (20%).

Grafico interattivo: selezionare il target di interesse

Le sigarette e l’universo femminile: un AMORE PRECOCE

Una diversa tendenza tra i fumatori rispetto al 1958 è presente anche per classi di età, oggi il primo approccio al fumo avviene prima:  in particolare il fenomeno è considerevole nell’universo femminile con un salto di 33 punti percentuali (dal 18%  nel 1958  all’attuale 51%) della quota di donne che iniziano a fumare prima dei 18 anni.

Grafico interattivo: selezionare il target di interesse
LinkedIn-Logo-2C (1)